Studio televisivo B Heroes

B Heroes, al via il programma TV

Per la prima volta in TV il reale percorso di crescita delle giovani imprese: le startup a confronto con un parterre di imprenditori di nuova generazione e con i manager delle aziende più innovative.

Il 9 marzo la prima puntata sul canale NOVE di Discovery Italia.

Milano, 6 marzo 2018 – Stanno lavorando da oltre un mese insieme ai migliori imprenditori di nuova generazione e ai manager delle aziende più innovative in Italia le 32 startup protagoniste delle prime due puntate di B Heroes, in onda sul canale NOVE di Discovery Italia il 9 e 16 marzo alle ore 23.00, prodotto da Yam 112003.

Aziende attive da poco sul mercato, selezionate per far parte del programma B Heroes, il progetto promosso dal presidente della lm foundation, Fabio Cannavale – imprenditore nel mondo dell’innovazione e CEO di lastminute.com Group – con Intesa Sanpaolo per sostenere le migliori startup italiane favorendone la crescita e lo sviluppo.

Le 32 startup, suddivise in 4 categorieConsumer Product, Business Innovation, Lifestyle, Sharing & Social guidate da 4 Supercoach: Ugo Parodi Giusino (Mosaicoon), Luca Ferrari (Bending Spoon), Gian Luca Comandini (You&Web), Davide Dattoli (Talent Garden) – hanno risposto alle domande e hanno dovuto sostenere la validità dei loro progetti imprenditoriali di fronte ad un panel di imprenditori e manager di grande valore tra i quali Stefano Barrese, responsabile Divisione Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo, Silvia Candiani AD di Microsoft Italia, Fabio Cannavale, founder e CEO di lastminute.com Group – Laurent Foata, Managing Director Ardian Growth.

In queste prime settimane siamo entrati nel merito di ciascuna idea badando soprattutto alla qualità degli imprenditori e alla loro capacità di rispondere agli stimoli e di sfruttare le opportunità. Con la messa in onda del programma vogliamo portare a conoscenza di un pubblico più ampio quali sono i passaggi, le difficoltà e le sfide di essere imprenditori. In Italia, è particolarmente importante valorizzare la capacità di cogliere gli insegnamenti e le opportunità create dagli errori di percorso: un requisito essenziale per chiunque voglia fare innovazione”, afferma Fabio Cannavale.

“Sbagliando si impara, a volte scoprendo qualcosa di inatteso e importante”, dichiara Stefano Barrese, responsabile Divisione Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo. “Cerchiamo nelle startup questo spirito pionieristico e di avanguardia, per condividere un percorso di scoperta e sviluppo e per incoraggiare gli imprenditori a non fermarsi se credono nella propria idea. L’impresa è per natura faticosa e sfidante, l’imprenditore è chi ci mette il coraggio e la fiducia e Intesa Sanpaolo vuole essere il partner fidato per supportare le startup, l’innovazione e la crescita del Paese”.

Intesa Sanpaolo, main partner dell’operazione, è il gruppo bancario leader in Italia vocato all’innovazione e alla crescita del sistema imprenditoriale del Paese. Il Gruppo sostiene attivamente la realizzazione di questo progetto coinvolgendo territori, imprenditori e il proprio Innovation Center, da sempre impegnato in programmi di accelerazione per startup e di open innovation.

Nella prima puntata saranno protagoniste le categorie Consumer Product e Business Innovation. La prima vede protagonisti giovani imprenditori, uomini e donne con idee destinate ad influire sui nostri consumi, come poter far lavare la macchina sotto casa, vendere o comprare un appartamento senza l’intermediazione delle agenzie immobiliari, ma anche imparare rapidamente a studiare la chitarra o comprare un’auto usata sul web. La categoria Business Innovation è invece dedicata alle startup che rivolgono i propri prodotti e servizi ad altre aziende, ad esempio per applicare nuovi modelli di business, agli allevamenti, al settore dell’aviazione business, alla gestione delle spesa fiscali e al risparmio personale.

Al termine della puntata del 9 marzo e del 16 marzo si conosceranno le prime 12 startup che accederanno alla fase successiva in onda a maggio sempre sul NOVE e che si avvicineranno alla possibilità di ricevere un investimento di 800.000 euro.

Al tema dell’errore il 14 marzo a Milano, B Heroes dedica un evento aperto al pubblico: B Heroes – Talks Imparare dagli errori: il percorso dell’innovazione. Innovatori di successo raccontano i loro fallimenti”. L’appuntamento vede coinvolti 15 tra imprenditori, manager e professionisti di diversi ambiti e attività che racconteranno, in prima persona, i propri errori, le riflessioni e le opportunità generate dagli stessi. L’appuntamento è presso Cariplo Factory/BASE, in Via Bergognone 34 dalle 15.30 alle 19.30.

Il percorso di B Heroes è inoltre raccontato attraverso un ampio piano di comunicazione digitale curato da YAM112003, attraverso il sito www.bheroes.it e i canali social dedicati (Facebook, Instagram, Twitter, YouTube e LinkedIn).

B Heroes è sostenuto da ulteriori partner tra le migliori aziende legate al business innovativo Amazon Web Service, BIP – Business Integration Partners, BonelliErede, Contactlab, Endevor Italia, Facebook, Google, House264, Mamacrowd, Microsoft, Sketchin, Seri Jakala, Vidiemme, che hanno messo a disposizione delle startup selezionate pacchetti di servizi per sviluppare sia il business che le proprie competenze.

Fabio Cannavale è un imprenditore italiano, pioniere digitale, che ha sviluppato aziende di grande successo e oggi è a capo di lastminute.com Group. Da qualche anno è impegnato nel mettere la sua esperienza a disposizione di chi ne ha bisogno – nel mondo del non profit e delle start up – sviluppando diversi progetti per sostenere idee, imprese e nuovi talenti. Nel 2016 ha fondato lm foundation.