Venerdì 1 giugno è andata in onda la semifinale di B Heroes, ecco cosa abbiamo imparato!

È stata una semifinale elettrizzante ed estremamente produttiva, quella che è andata in onda venerdì 1 giugno sul Nove. In questa quarta puntata di B Heroes, il primo programma dedicato alle startup italiane, nato da un’idea di Fabio Cannavale con la collaborazione di Intesa Sanpaolo, gli imprenditori delle 12 startup selezionate hanno compiuto ulteriori importantissimi passi nel loro percorso di accelerazione che culminerà, per una sola di esse, in un investimento finale di 800.000€ da utilizzare nel proprio progetto.

Dopo il ripescaggio della scorsa puntata, che ha visto l’eliminazione di ZzzleepandGo e Wecare e il ritorno in scena di Bidtotrip e LexDo.it, le due startup rientrate in gara hanno iniziato un “fast track”, una versione velocizzata del percorso di accelerazione già intrapreso dalle altre startup per mettersi in pari coi propri avversari. Nel frattempo, sono proseguiti per tutti i colloqui con i supercoach, i workshop, i seminari, seguiti da un particolarissimo esperimento che ha portato i partecipanti a collaborare tra loro creando alleanze e sinergie inaspettate.

Anche questa volta non sono mancati momenti emozionanti e di riflessione, da cui sono emersi, sia dal lato dei coach che da quello degli startupper, nuovi punti di vista, consigli e insegnamenti per far nascere, cresce e prosperare il proprio business. Eccone alcuni!

1) Al marketing diretto, indirizzato a clienti che cercano esattamente il tuo servizio, deve fare seguito un lavoro su tutto il pubblico, per far conoscere il prodotto anche a chi non sa ancora di averne bisogno. Personalizzare il messaggio è un aspetto molto importante di questi tempi, perché ogni cliente ha un bisogno diverso a cui può rispondere lo stesso servizio.

2) Spesso per un imprenditore la sfida più grande è delegare: essere bravi è bene, circondarsi di persone anche più brave è meglio, perché l’azienda non sei tu, l’azienda è il tuo team!

3) Ogni grande startup è caratterizzata da una continua tensione verso l’innovazione. Per crescere e evolvere sempre di più, la condivisione delle conoscenze è indispensabile e questo fa del fare impresa la più interdisciplinare delle attività.

4) Chi vuole solo vincere vede l’altro come mero ostacolo da superare; ma in una sana competizione, invece, emerge un bellissimo spirito collaborativo da cui nascono rispetto e stima reciproci. E chi si stima reciprocamente, non farà una scorrettezza al suo avversario.

 

5) L’esperienza insegna che per una startup la crisi è sempre dietro l’angolo: il “trucco” non sta nell’evitarla, ma nell’essere in grado di affrontarla e superarla, solo così si esce più forti, più saggi e più sicuri di sé.

6) Far decollare una startup è come il rugby, secondo Fitprime, perché insegna l’importanza del sacrifico e a non arrendersi mai: ogni centimetro, per quanto all’apparenza insignificante, è un passo che ti porta ogni volta un po’ più vicino alla linea di meta!

7) Spesso la personalità dello startupper conta più dei guadagni che il suo progetto è in grado di garantire sulla breve distanza: gli investitori sono più portati a scommettere su una persona che vuole costruire qualcosa di grande e a lungo termine. Insomma, l’imprenditore non lo fa per i soldi, l’imprenditore lo fa per realizzare un progetto.

Al termine della puntata, Fabio Cannavale ha selezionato una startup finalista per ogni categoria – Start2impact per Sharing & Social, Fitprime per Lifestyle, 3bee per Business innovation – con la sola eccezione di Consumer product: le startup di questa categoria si sono dimostrate così meritevoli che ad aggiudicarsi il passaggio in finale sono state in due, Wash Out e Homepal! Quale di queste cinque riuscirà ad aggiudicarsi il primo posto nel percorso di accelerazione e ricevere così l’investimento finale di 800.000€? C’è un solo modo per scoprirlo: non perdere l’ultima puntata di B Heroes, in onda venerdì 8 giugno alle 23:00 sul NOVE!

Per rivedere invece le puntate già andate in onda basta seguire questi link: prima puntata, seconda puntata, Best Of, terza puntata, quarta puntata.

SHARE WITH